Giovedì
23 Ott 2014

San Giovanni da Capestrano Sacerdote

Luna: Luna Nuova

Molti squartano un gatto e giurano che era un leone
Meteo nel Salento: temp. 16 °C, Umid. rel. 82%, Maestrale (10.29 m/s, Vento teso), press. 1003 hPa
 
 Home » Fiera del Tartufo bianco
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2008

mostra altre voci

Fiera del Tartufo bianco

Vezza d'Alba (CN) - 20 - 30 Novembre 2008

XXVIII FIERA REGIONALE DEL TARTUFO BIANCO DI VEZZA D’ALBA E DEI VINI DEL ROERO

La Fiera è una delle Manifestazioni più importanti dell’autunno nel Roero. Organizzata fin dal 1980 da Comune e Pro Loco di Vezza d’Alba, ha avuto da subito un notevole interesse tanto da ottenere la qualifica di Fiera Regionale e, grazie ai successi ottenuti negli ultimi anni, è stato attivato l’iter per ottenere il riconoscimento di Fiera Nazionale.

Questa XXVIII edizione della Fiera si svolgerà dal 20 al 30 novembre nel centro storico di Vezza d’Alba con un calendario fitto di manifestazioni, spettacoli, concerti e mostre.

Punto focale saranno le due domeniche; il 23 novembre, oltre al mercato del piccolo artigianato e dell’hobbistica, nella “Casa dei Vini” verrà presentata la produzione del Rero d.o.c.g , Roero Arneis d.o.c.g e gli altri vini dei produttori del Roero con degustazioni libere e guidate.

La domenica 30 novembre Gran mercato della Fiera e “Inaugurazione Ufficiale della XXVIII Fiera del Tartufo bianco di Vezza d’Alba e dei Vini del Roero”, Rassegna di Tartufi della “TARTUFINGROS” di Rossano Andrea, Vezzese presente sin dalla prima edizione, che ogni anno riesce a stupire con trionfali rassegne di Tartufi.

Nelle due domeniche sarà possibile assaporare i piatti della tradizione presso il punto gastronomico allestito dalla Pro Loco.

LINEAMENTI STORICI

Il colle di San Martino, adiacente al concentrico, alla cui sommità sorgeva la pieve omonima, vide nascere ai suoi piedi i primi insediamenti. Dopo il Mille emerge il ruolo del castello, attorno al quale si sviluppa l’attuale Villa. Nel 1041le terre Vezzesi vengono confermate al Vescovo di Asti, che le affida ai castellani “De Vicia”. Nel 1377 la signoria è ceduta ai De Ponte, che la vendono ai Roero, i quali vi fissano la residenza per alcuni

Secoli. Nel 1610 i Roero vengono momentaneamente privati del castello e delle terre, incluse nei confini Sabaudi. Essi ne riconquistano il possesso nel 1631. Verso la fine del secolo abbandonano la dimora Vezzese per il nuovo castello di Guarene.

Il paese di Vezza d’Alba è posto nel cuore del Roero; i boschi rivestono le parti meno assolate delle colline, la flora vede coesistere specie caratteristiche di ambiente mediterraneo e specie semimontane. La vigna predomina quasi ovunque sui fianchi delle colline.

DA VISITARE

Del castello, citato già nel 1041, e a lungo dimora dei Roero, rimangono soltanto poche rovine, ma da due anni è sede della prima tappa della “Strada Romantica delle Langhe e Roero”. La Parrochiale di San Martino e Assunta, è ornata di alcune tele del Dufour e di sculture dei Fratelli Brunetti; nel 1850 l’edificio viene ampliato delle due navate laterali. San Bernardino: sconsacrata da alcuni anni, viene chiamata “la Chiesa dei Battuti”, situata sulla piazza della Parrochiale, è stata ricostruita nel 1750 circa in forma barocca. All’interno è ornata di stucchi, pitture e da tre pregevoli tele, inoltre nel periodo della Fiera è allestita una Mostra di Arte e Paramenti Sacri.

Il museo naturalistico del Roero

Mostre di pittura e ceramica nei locali del Comune e nella cantina Battaglino.

Documento creato il 01/12/2004 (21:02)
Ultima modifica del 18/12/2008 (10:52)
Il salento che lavora
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124