INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Sabato
23 Mar 2019

San Turibio de Mogrovejo Vescovo

Luna: 3 gg dopo
Luna Piena

L'errore di un istante può diventar tormento per tutta la vita.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » La specchia dei Mori
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

La specchia dei Mori

Uno strano cumulo di pietre

Martano: la Specchia dei Mori (2002)

Lungo la vecchia strada comunale che congiunge Martano a Martignano, a circa un Km dall'uscita del paese è possibile ammirare uno strano cumulo di pietre: è la Specchia dei Mori.

Narra la leggenda che i "Mori" fossero gli antichi abitanti di questi luoghi che, per raggiungere Dio, costruirono una torre altissima. Dio non apprezzò molto quel gesto e fece sprofondare gli sfidanti al di sotto della loro stessa costruzione.

A parte la leggenda, non è difficile, ancora oggi, vedere ciò che resta delle "specchie": esse sono costruzioni appartenenti, sicuramente, alle civiltà che popolarono il Salento prima dell'arrivo di Japigi e Messapi e non è azzardato pensare che possano avere molta similitudine con i nuraghi della Sardegna.

Oggi somigliano ad enormi cumuli di pietre e sono prive di una forma ben definita. Avevano, sicuramente, funzioni di segnalazione e controllo del territorio. Sorgono, sempre, in cima alle nostre colline ed ogni specchia è a portata ottica di un'altra. È ipotizzabile che avessero forma a tronco di cono con la superficie superiore piatta, adatta a potervi accendere dei fuochi per segnalare l'approssimarsi di un pericolo.

La Specchia dei Mori di Martano sorge in un campo, fra seminativo e alberi di ulivo. È, ormai, un ammasso piramidale di pietra calcarea dura e non più ha alcuna forma. Lunga circa una ventina di metri è sormontata da un albero di fico che è riuscito ad attecchire tra i sassi.

Documento creato il 09/04/2004 (11:35)
Ultima modifica del 24/02/2011 (18:05)

Fortune Cookie...

Meglio un pugno di buona vita, che un sacco di sapienza
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124