INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Domenica
15 Set 2019

B.V. Addolorata

Luna: 1 gg dopo
Luna Piena

L'oro serve a far corone e a indorare pillole
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » I Comuni » Botrugno » Il feudalesimo
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia
Secondo quanto attesta un documento pubblicato dal Comm. Maggiulli, nel 1199 Re Tancredi, nel costituire la signoria di Lancillotto Capece, col feudo di Muro comprese anche il podere di Botrugno, abitato da pochi casolari sparsi nelle campagne.

Le Fotorassegne!

Il feudalesimo

Ipotesi sulla fondazione

botrugno castello

Accettando come vera la testimonianza del manoscritto, dovremmo anticipare la fondazione di Botrugno certamente ad un periodo precedente al VII secolo. Secondo quanto attesta un documento pubblicato dal Comm. Maggiulli, nel 1199 Re Tancredi, nel costituire la signoria di Lancillotto Capece, col feudo di Muro comprese anche il podere di Botrugno, abitato da pochi casolari sparsi nelle campagne.

Quindi secondo quest'altra fonte storica a quell'epoca Botrugno non esisteva in forma di abitato: nel suo agro vi erano soltanto pochi profughi provenienti dalla vicina Muro, i quali si erano dedicati all'agricoltura, soprattutto alla coltura della vite, dalla quale sembra derivi il nome di Botrugno, espressione etimologicamente greca, anche perché quei profughi di Muro vantavano lingua e tradizioni greche per il lungo periodo cui furono soggetti ai Greci, che governarono la zona dal VI al XI secolo.

I feudatari

botrugno portale nel centro storicoCol tempo l'abitato primitivo di Botrugno si accrebbe tanto che il governo di Napoli, nel XVI secolo, ne fece un feudo indipendente per i signori Maramonte, dai quali passò ai Castriota-Scanderberg e ad altri feudatari; ultimi furono i Guarini che chiusero il periodo feudale con la legge di soppressione del Feudalesimo nel 1806.

In quegli anni il paese contava poche anime, per lo più dedite alla vita dei campi. Nonostante l'alta mortalità infantile, generale in tutta la Provincia di Terra d'Otranto (una delle tre provincie in cui era divisa la Puglia del tempo), nel secolo scorso vi fu un lento e progressivo incremento demografico a Botrugno, sicché gli abitanti di questo centro saranno 1.001 nel 1861.

(Testo gentilmente concesso a Japigia dal Dr. Donato Fanciullo.)

Documento creato il 19/08/2004 (11:35)
Ultima modifica del 07/03/2011 (14:51)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124