INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 
Il salento che lavora

Domenica
24 Set 2017

San Pacifico

Luna: Fra 3 gg
Primo Quarto

Per fare un amico, basta un bicchiere di vino
Meteo nel Salento: temp. 15 °C, Umid. rel. 100%, Scirocco (2.06 m/s, Brezza leggera), press. 1020 hPa
 
 Home » I Comuni » Brindisi » La fontana di Tancredi
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia
La Fontana di Tancredi sorge fuori le mura antiche della città di Brindisi, lungo la strada che costeggia la parte terminale del seno di ponente del porto brindisino e che porta a San Vito dei Normanni.

Le Fotorassegne!

 Registrati!

Registrati per avere pieno accesso ai servizi dell'area riservata di Japigia! Accedi da qui alla pagina di registrazione.

La fontana di Tancredi

La fontana di Tancredi

la fontana di tancredi

Tancredi fu l'ultimo re normanno di Sicilia e conte di Lecce. In occasione delle nozze del figlio Ruggero con Urania di Costantinopoli, celebrate nel 1192, volle erigere, a ricordo, una fontana.

La fontana, denominata, appunto, Fontana di Tancredi, sorge fuori le mura antiche della cittā, lungo la strada che costeggia la parte terminale del seno di ponente del porto brindisino e che porta a San Vito dei Normanni.

la fontana di tancrediE' stata costruita addossandola ad una collinetta, sovrastata da un boschetto di pini, caratterizzata da due "garitte" con le curiose cupolette moresche al centro delle quali unafaccione riversava acqua; al centro della costruzione un bassorilievo reca l'emblema cittadino, una testa di cervo con le due colonne della via Appia sovrastate da una corona. Tre grandi vasche raccoglievano l'acqua tra le due costruzioni.

Narra la storia che qui si abbeveravano i cavalli dei tanti crociati che, da Brindisi, si imbarcavano per la Terra Santa ma non č improbabile che, nell'acqua di queste vasche abbiano trovato ristoro folle di viandanti e pellegrini provenienti da ogni parte d'Europa e, alzando la testa, non potevano non volgere lo sguardo agli emblemi di quei casati di cui la fontana ne tramanda il ricordo.

Documento creato il 18/12/2005 (14:17)
Ultima modifica del 11/03/2011 (11:39)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124