INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Sabato
20 Lug 2019

Sant' Apollinare di Ravenna Vescovo e martire

Luna: 3 gg dopo
Luna Piena

Il pianto non ripara i mali.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » I Comuni » Copertino » Notizie Storiche
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Notizie Storiche

Copertino: le origini

copertino, la piazza

Secondo gli studiosi locali il primo nucleo abitativo sarebbe sorto ad opera di profughi greci intorno al VII secolo a.C., anche se il vero popolamento del casale si ebbe tra il IX e il X secolo quando il Salento divenne zona di conquista, infatti in quel periodo le razzie lungo le coste e il panico tra la gente erano continuative.

Fu così che gli abitanti di sei casali (San Vito, Mollone, Puzzovio, Cambrò, Santa Barbara e Cigliano) abbandonarono le loro case e si rifugiarono tutti insieme in un luogo che dava maggiori garanzie di sopravvivenza, dando vita al primo insediamento urbano a cui fu dato il nome di Convertino che in latino significa Incontro.

Feudatari

copertino, il castelloCopertino nella storia del Salento ha avuto un ruolo rilevante, ciò è dimostrato dal susseguirsi di feudatari illustri.

Il primo feudatario di Copertino fu il Conte Gualtiero D'Einghein duca di Atene e conte di Lecce che fra l'altro costruì il primo Castello.

Alla sua morte la contea toccò alla famiglia di Barnabò Sanseverino, quindi passò a Tristano Chiaromonte, un cavaliere francese giunto in Italia al seguito di Giacomo della Marca, che sposò Caterina la figlia di Ramondello del Balzo Orsini e di Maria d'Enghien all'epoca contessa di Lecce. Fu Tristano Chiaramonte a fortificare il paese con possenti mura.

Nel 1498 Ferdinando d'Aragona la donò ai Castriota. Dopo la morte di Antonio Granai Castriota avvenuta nel 1549, Copertino passò al regio Demanio, nel 1557 Filippo II la vendette a Umberto Squarciafico il quale assunse il titolo di conte, da questi la contea passò ai Pinelli e quindi in seguito ad un matrimonio passò ai Pignatelli.

Documento creato il 06/08/2004 (11:00)
Ultima modifica del 07/03/2011 (17:34)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124