INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 
Il salento che lavora

Lunedì
20 Feb 2017

Sant' Eleuterio di Tournai Vescovo

Luna: 2 gg dopo
Ultimo Quarto

Un cuore lieto e forte vince l'amara sorte
Meteo nel Salento: temp. 14 °C, Umid. rel. 36%, Maestrale (3.09 m/s, Brezza leggera), press. 1022 hPa
 
 Home » I Comuni » Matino » I monaci Basiliani
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Le Fotorassegne!

 Registrati!

Registrati per avere pieno accesso ai servizi dell'area riservata di Japigia! Accedi da qui alla pagina di registrazione.

I monaci Basiliani

L'antico monastero di S. Eleuterio

matino, la cripta di sant eleuterio

A circa tre chilometri dal centro di Matino, verso nord, quasi sul confine tra i comuni di Matino, Collepasso e Parabita, su un'altura chiamata Monte Sant'Eleuterio è possibile scorgere ciò che resta di un antico e grande convento dei monaci Basiliani.

Oggi non è rimasto niente del passato, ma si puo ancora visitare la Grotta scavata nella roccia (nella foto) in cui si possono intravedere dei graffiti; dalla Collina inotre si può ammirare il suggestivo panorama.

I basiliani

matino, quercia sulla collinaSappiamo, per certo, che i monaci seguaci della regola di San Basilio si diffusero in tutto il Salento a partire dal IX secolo d.C. a causa delle persecuzioni operate dagli imperatori iconoclasti in tutto l'oriente. I monaci, per salvarsi, passarono nel Salento dal Canale d'Otranto, trovando fra popolazione della nostra penisola una buona accoglienza.

Ben presto costruirono tre grandi monasteri: l'Abbazia di S. Maria delle Cerrate, a nord fra le città di Lecce e Brindisi, il monastero di San Nicola di Casòle a Otranto e quello di San Mauro nei pressi di Gallipoli.

Chiaramente a questi grossi centri della cultura Basiliana si affiancavano un certo numero di chiesette e conventi dove pochi monaci seguivano, in ritiro spirituale, le regole del Santo.

Si trattava di piccole costruzioni, affiancate ad una chiesetta che, spesso era ricavata da scavi nella roccia tufacea o anfratti naturali (come la cripta del Crocefisso a Casarano).

Questi piccoli luoghi di culto contribuirono, nei primi anni dopo il mille a diffondere, in modo molto massiccio, la religione ed il rito greco nel Salento.

Documento creato il 17/08/2004 (09:47)
Ultima modifica del 18/03/2011 (16:02)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124