INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 
Il salento che lavora

Sabato
19 Ago 2017

Santa Sara Moglie di Abramo

Luna: Fra 3 gg
Luna Nuova

Al prudente non bisogna consiglio
Meteo nel Salento: temp. 27 °C, Umid. rel. 62%, assenza di vento, press. 1013 hPa
 
 Home » I Comuni » Ugento » Torre San Giovanni
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia
Centro di commerci e traffici di ogni tipo, queste coste conobbero periodi floridissimi. A Torre San Giovanni sorgeva un centro abitato ed un porto molto importante del quale oggi, si è persa ogni traccia.

Torre San Giovanni

Torre San Giovanni

Tramonto a Torre San Giovanni (1999)

Ugento ha un esteso territorio comunale con delle bellissime coste che si estendono per quasi 13 chilometri.

Queste coste, spesso basse e sabbiose, sono state il punto di attracco di moltissime navi sin da tempi antichissimi tanto che il punto di attracco migliore, l'attuale Torre San Giovanni, fu porto romano per lunghissimo tempo.

Centro di commerci e traffici di ogni tipo, queste coste conobbero periodi floridissimi. A Torre San Giovanni sorgeva un centro abitato ed un porto molto importante del quale oggi, si è persa ogni traccia.

Molto probabilmente il suo declino cominciò con il diffondersi della malaria nelle zone paludose che caratterizzavano queste coste.

La malattia costrinse gli abitanti a rifugiarsi nell'interno e ad abbandonare questi luoghi, divenuti malsani: solo nei primi decenni di questo secolo, durante il periodo fascista, le opere di bonifica resero nuovamente salubri queste coste che, oggi, fervono nuovamente di attività e sono turisticamente interessanti.

Ugento: il faro di Torre San Giovanni (1999)

A testimonianza dei tempi che furono rimane una torre di guardia, che ha dato il nome al luogo in perfetto stato di conservazione.

Oggi è utilizzata come faro marittimo. Essa risale al XVI secolo e fu eretta per volere di Carlo V con lo scopo di salvaguardare le coste dagli attacchi dei saraceni.

Nei suoi pressi doveva sicuramente sorgere il vecchio insediamento d'epoca romana, visto che, nei cumuli di terra smossa è possibile ancora rinvenire un gran numero di cocci, usati, a quei tempi, per la copertura dei tetti: questa, purtroppo è l'unica traccia di un glorioso, antico passato.

Documento creato il 28/04/2004 (12:19)
Ultima modifica del 07/03/2011 (18:09)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124