INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 
Il salento che lavora

Lunedì
22 Gen 2018

San Vincenzo di Saragozza Diacono e martire

Luna: Fra 2 gg
Primo Quarto

L'avaro più possiede e più è mendico
Meteo nel Salento: temp. 8 °C, Umid. rel. 93%, Levante (3.09 m/s, Brezza leggera), press. 1012 hPa
 
 Home » I Comuni » Ruffano » Grotta del Crocefisso
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Grotta del Crocefisso

Carta d'identità

  • Denominazione locale: Grotta del Crocefisso;
  • posizione nel Catasto delle Grotte della Puglia: Pu 990;
  • comune: Ruffano;
  • provincia: Lecce;
  • località: Buffalelle;
  • cartografia: carta IGM (serie 25/V) F° 223 IV NE "Ugento";
  • coordinate geografiche: longitudine: 5° 44'40" E, latitudine: 39° 59' 34" N;
  • quota: 163 metri s.l.m.;
  • sviluppo planimetrico: 52 metri;
  • sviluppo spaziale: 54 metri;
  • dislivello negativo:- 3 metri;
  • profondità: 3 metri;
  • terreno geologico: calcari di Melissano;
  • rilevamento topografico: a cura di Domenico Lorusso (G. S. Ruvese), Salvatore Inguscio; Emanuela Rossi; Stefania Pulli (G.S. Ruvese);
  • date del rilevamento topografico: 17 settembre 2004;
  • strumenti usati: bussola KB-14/360R Suunto, clinolmetro PM-5/360PC Suunto, Altimetro Escape 203 Suunto, doppio decametro in fettuccia di plastica.

grotta del crocefisso - pu 990 ruffano - lecce
(Fig. 2 Grotta del Crocefisso - Pu 990 Ruffano - Lecce)

La grotta del Crocefisso (fig. 2) si apre a 163 m di altitudine ed è situata in contrada Manfio, nell'agro di Ruffano, ai confini con il territorio di Casarano. L'ipogeo è poco conosciuto dai ruffanesi, mentre rappresenta meta di culto da parte dei cittadini di Casarano e Taurisano.

La presenza all'interno della grotta di un'immagine della Crocifissione e una di Santa Costantina (antico nome di tutta l'area circostante), ha generato qualche confusione tra gli storiografi del passato che a volte accennano a due cripte: grotta del Crocefisso e grotta di S. Costantina.

Tutta la zona circostante la grotta ha un'enorme importanza dal punto di vista preistorico, storico e naturalistico. In una cornice di macchia mediterranea e tra testimonianze della frequentazione umana preistorica, sono ancora visibili i resti di una abbazia che fu abbandonata nel XIV secolo dai monaci bizantini per essere successivamente riadattata dagli Olivetani nel secolo successivo e quindi definitivamente abbandonata in seguito alle leggi eversive della feudalità (De Bernart et alii, 1998).

Il sentierino che porta alla cavità è scavato nella roccia e presenta lateralmente sia nicchie che scale di collegamento con la sovrastante abazia, ormai diroccata.

grotta del crocefisso - ruffano - lecce
(Fig. 3 Grotta del Crocefisso - Ruffano LE)

L'ingresso naturale della cavità è chiuso da una facciata in conci calcarenitici costruita nel 1944 e protetto da una grata (fig. 3). Superato l'ingresso, una serie di tre gradini introducono nella parte iniziale della grotta, composta da un ambiente ampio (fig. 4), alto 4 m e largo 5 m ad andamento per lo più rettangolare. Sulla parete destra, a pochi metri dall'ingresso, a circa 2 metri di altezza, sono evidenti alcune incisioni a forma di vulva e di scudo, di cui parleremo più avanti.

grotta del crocefisso - ruffano - lecce
(Fig. 4 Grotta del Crocefisso - Ruffano LE)

Dopo circa 8 metri, sulla parete sinistra vi è una scala in muratura che collegava la grotta con l'antica abbazia; è sulla parete di questa scala che si trova l'affresco della Trinità, datato 1615. Entrambe le pareti laterali di questo primo ambiente erano affrescate con dipinti risalenti in gran parte al XVI-XVII secolo e in alcuni casi realizzati sopra dipinti riferibili ai monaci basiliani.

Una mano ignorante ha purtroppo coperto di calce quasi tutta la parete destra affrescata risparmiandone la porzione più interna insieme con la parete sinistra. Alla base di gran parte delle pareti sono presenti dei gradoni alti dai 40 ai 50 cm con funzione probabile di sedili.

A circa 19 m dall'ingresso la grotta si biforca e in questo punto si trova un altare sul quale si intravedono ancora resti di affreschi raffiguranti una vergine tra due santi. Proseguendo lungo il ramo destro, che corre per circa 8 metri con una larghezza di 4 m ed un'altezza analoga, si trovano gli affreschi più vecchi, datati 1520. Nel punto in cui questo ramo chiude, si trova l'altare più antico (fig. 5), ancora oggi utilizzato per i riti religiosi.

grotta del crocefisso - ruffano - lecce
(Fig. 5 Grotta del Crocefisso - Ruffano LE)

Alle sue spalle, nella parete terminale, è stata dipinta una crocifissione molto particolare, che usa una colonna stalagmitica come corpo di Cristo.

Il ramo posto a sinistra (fig.6) è lungo 28 m e alto in alcuni punti fino a 10 m il suo sviluppo corre in direzione E-NE lungo un'evidente frattura e termina con un abbassamento del soffitto fino a diventare impercorribile.

grotta del crocefisso - ruffano - lecce
(Fig. 6 Grotta del Crocefisso - Ruffano LE)

Le pareti non presentano tracce di affreschi, mentre sono evidenti le date graffite che testimoniano la frequentazione antica di questo luogo. Sul pavimento sono state rinvenute alcune fosse che probabilmente venivano usate come depositi di derrate (granili). Questo seconda diramazione è stato occultata per lungo tempo da un muro.

Entrambe le gallerie, sia sulle pareti che sulla volta, sono caratterizzate da forme erosive denominate "scallops" mentre solo sulle pareti della diramazione sinistra sono presenti fenomeni di "vermiculazione" argillosa e strati fossiliferi di rudiste (fig. 7).

grotta del crocefisso - ruffano - lecce
(Fig. 7 Grotta del Crocefisso - Ruffano LE)

Emanuela Rossi, Salvatore Inguscio, Domenico Lorusso, Stefania Pulli, Giuseppe De Nuzzo

Gruppo Speleologico Leccese 'Ndronico, via Regina Isabella, 7 -73100 Lecce - Gruppo Speleologico Ruvese, via Romanello, 31 - 70037 Ruvo di Puglia (Ba) - Gruppo di Ricerca pinodenuzzo.com

Note: le foto di fig. 3,4,5,6,7,14,15,16 e 17 sono di Mimmo Lorusso. Le foto di fig. 8,9,10,11, sono di Luciano Margari.

Articolo concesso da Emanuela Rossi e Salvatore Inguscio

Documento creato il 07/04/2006 (21:53)
Ultima modifica del 07/04/2006 (21:53)

 

Articoli collegati, per maggior approfondimento:

Altro su questo portale Internet:

  1. Grotta del Crocefisso ,
    (http://www.japigia.com/le/ruffano/index.shtml?A=av_ruffan2)
    Grotta del Crocefisso (o di S. Costantina)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124