INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Mercoledì
13 Nov 2019

San Florido (Fiorenzo) di Città di Castello e Amanzio Vescovo

Luna: 1 gg dopo
Luna Piena

Per una buona copia occorre un buon originale.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » I Comuni » Sannicola » San Mauro: la struttura
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

San Mauro: la struttura

San Mauro

(Note storiche gentilmente concesse a Japigia dal Dr. Luigi Bidetti)

L'interno di San MauroDel complesso di S.Mauro sopravanza soltanto la chiesa. Di non grandi dimensioni, è stata datata al X-XI secolo. La costruzione è divisa in tre navate, è retta da sei colonne, con la consueta divisione tra bema e naos, comune a tutte le chiese bizantine.

Vi sono tre accessi, senza infissi, ed alcune strette finestre (spiracula). Il pavimento, quando esisteva, degradava lentamente verso l'entrata della facciata principale ed era caratterizzato dalla presenza di un gradino per tutta la larghezza della chiesa.

Affresco internoEra interamente affrescata con immagini di santi vescovi, monaci e militari, datate alla fine del XII-inizi del XIII secolo.

Nell'abside centrale semicircolare era visibile il Cristo (Deèsis) tra due figure, forse due angeli; al di sotto quattro figure di vescovi convergenti verso la finestrella. Solo pochi affreschi sono ancora decifrabili.

A breve distanza, si aprono nella collina dell'Altolido (storpiatura di Ortòlithon) alcune grotte. Nella più grande di esse, dove la leggenda vuole che sia stato rinvenuto il corpo di S. Mauro, un tempo vi erano degli affreschi e due altari. A pochi metri di distanza, sulla sommità della serra, un tempo dominava il monastero, affiancato da altri edifici. Di essi oggi rimane solo un cumulo di macerie.

Documento creato il 08/03/2004 (13:27)
Ultima modifica del 11/03/2011 (19:11)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124