INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Lunedì
14 Ott 2019

San Callisto I Papa

Luna: 1 gg dopo
Luna Piena

Chi pochi soldi ti ha rubato ieri, domani ti vuoterà casse e forzieri.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » I Comuni » Melendugno » I Messapi
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

I Messapi

L'antica Lupiae

melendugno la torre di roca vecchia

Quella che abbiamo scoperto è la Roca antica, Lupiae per chiamarla con il nome che i Romani le assegnarono, ma era là millenni prima che i discendenti di Romolo arrivassero.

Fu abitata per secoli da uomini che vivevano in capanne circolari sorrette da cinque pali disposti a mo' di grossolano pentagono: recenti scavi archeologici hanno portato alla luce le antiche buche che ospitavano questi antichi pilastri di legno.

I messapi

roca vecchia

A questi muti abitanti del passato si sovrapposero, in tempi più recenti, a partire dal X secolo a.C., i Messapi, provenienti dai Balcani.

Costoro usarono i grandi quantitativi di roccia tufacea che estrassero dalla scogliera per costruire le mura che cinsero la cittadina. Le mura messapiche, enormi e perfette, sono ancora visibili e si estendono per un percorso che va ben aldilà di quello che è l'insediamento attuale, segno che la città messapica era di considerevoli dimensioni. I massi sono enormi, perfettamente squadrati e posati a secco: non una fessura si apre tra due massi adiacenti.

Alla base del muro, recenti scavi archeologici hanno portato alla luce i resti di una necropoli, risalente allo stesso periodo.

Mura e necropoli a Roca

I Messapi sono famosi per le loro abitudini a cingere di imponenti mura i propri insediamenti.

Roca, chiaramente, non é da meno: i recenti scavi archeologici hanno portato alla luce i resti di enormi mura, spesse circa un metro, che racchiudono quello che un tempo era il borgo messapico. A destra é possibile vedere la parte iniziale delle mura, che partono dai resti del castello.

Accanto al muro, si intravedono le tombe dell'antica necropoli: buche non più lunghe di un metro e mezzo dimostrano la bassa statura degli antichi abitanti del luogo.

Sono anche stati rinvenuti degli otri interamente scavati nella roccia tufacea, destinati, forse, a contenere delle derrate alimentari: la cosa strana é che sono vicinissimi alla necropoli...

Documento creato il 11/06/2004 (11:58)
Ultima modifica del 11/06/2004 (11:58)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124