INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Lunedì
22 Mag 2017

Santa Rita da Cascia Vedova e religiosa

Luna: Fra 3 gg
Luna Nuova

A pagare e a morire c'è sempre tempo.
Meteo nel Salento: temp. 23 °C, Umid. rel. 38%, Maestrale (4.63 m/s, Brezza tesa), press. 1015 hPa
 
 Home » Antica mappa del Salento
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Antica mappa del Salento

Il Salento

il salento sulla tabula peutingeriana

Sulla Tabula Peutingeriana il Salento è ben indicato. Abbiamo Taranto, importante città schematizzata con due torri e grande crocevia. A Taranto si aggiungono Brindisi ed Otranto (Ydrunte) e Castro (Castra Minervae) rappresentata, questa volta, da due torri circondare da un fossato (o, forse, è una collina?).

Tuttavia, sono molto interessanti le tappe intermedie. Partendo da Brindisi incontriamo "Balentium" cioè Valesio, città che, ai tempi del Peutinger era ormai definitivamente in rovina e pressoché inesistente (ce lo conferma Antonio Ferraris nel De Situ Japygiae); da Valesio, la tappa successiva è Lupia, ovvero Roca (vecchia) che al tempo di Peutinger si chiamava così ormai da oltre due secoli.

Scendendo ancora verso sud, incontriamo Otranto e, quindi, Castro; da qui risaliamo il versante jonico della penisola salentina ed incontriamo un'altra importante città, non più esistente nel XV secolo: Veretum! Questa è la prova che la mappa è, certamente, una copia di una mappa ben più vecchia, considerando che Vereto fu distrutta sul finire dell’800 d.C. ad opera dei Saraceni.

La via Traiana-Salentina, quindi procede verso nord, toccando i comuni di Ugento, Alezio (Baletium), Nardò (Neritum), Manduria e Taranto. Ci sorprende non trovare indicazione di Gallipoli che, probabilmente, al tempo della prima stesura della mappa aveva meno importanza, a tutto vantaggio della vicina Alezio.

Le distanze tra una tappa e la successiva sono in cifre romane. Tra Alezio e Ugento, ad esempio, c’è un bel "X"; ma cosa indica? In verità la distanza tra Alezio e Ugento è di circa 22 chilometri; con un facile calcolo notiamo che l'unità di misura usata è di circa 2200 metri.

È risaputo che i romani usavano il "miglio", una distanza pari a mille passi che corrisponde a circa 1481 metri; tuttavia, quando si trattava di misurare lunghe distanze i romani ricorrevano alla "lega romana" che corrispondeva a un miglio e mezzo, cioè a circa 2.222 metri.

A questo punto tutto corrisponde: tra Alezio e Ugento ci sono 10 "leghe romane" cioè poco più di 22 Km; tra Castro ed Otranto, in linea d’aria, ci sono circa 16 Km che diventano 8 leghe sulla Tabula: i conti, quindi, tornano!

Documento creato il 10/02/2005 (13:52)
Ultima modifica del 07/03/2011 (18:26)

 

Articoli collegati, per maggior approfondimento:

Altro su questo portale Internet:

  1. Tabula Peutingeriana,
    (http://www.japigia.com/docs/index.shtml?A=peutinger)
    Il Salento sulla Tabula Peutingeriana

Fortune Cookie...

Nella vita, lieti o tristi, siamo tutti dei turisti
Il salento che lavora
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124