INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Lunedì
23 Ott 2017

San Giovanni da Capestrano Sacerdote

Luna: 3 gg dopo
Luna Nuova

Studia, non per sapere di più, ma per sapere meglio degli altri.
Meteo nel Salento: temp. 19 ░C, Umid. rel. 68%, Ponente (4.63 m/s, Brezza tesa), press. 1006 hPa
 
 Home » Storia di Terra d'Otranto
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Storia di Terra d'Otranto

La Storia

Andrano. il CastelloIl toponimo Terra d'Otranto fu attribuito intorno al XI secolo in epoca normanna e comprendeva le terre che si estendevano da Santa Maria di Leuca fino a nord di Lecce.

Nei secoli numerose furono le vicissitudini che questa terra e i suoi abitanti dovette affrontare; iniziamo la storia:

Nel VII secolo d.C. le terre a Sud e a Nord di Lecce appartenevano ai Bizantini; le altre erano sotto il dominio dei Longobardi.

Nel IX secolo in questi luoghi iniziarono le continue incursioni arabe;

Nel XI secolo la Terra d'Otranto fu conquistata dai Normanni che la dominarono fino alla prima metÓ del XIII secolo;

La seconda metÓ del XIII secolo fu caratterizzata dalla dominazione Angioina. In questo periodo, la Terra d'Otranto, entr˛ a far parte del Regno di Napoli passando sotto il dominio degli Aragonesi (XV secolo) infine nel XVI secolo pass˛ sotto la dominazione spagnola. In questo periodo aumentano sensibilmente le scorrerie turche che determinarono la costruzione delle numerose torri costiere a difesa del territorio.

Tra il 1713 e il 1738 le vicissitudini furono le stesse per tutta l'Italia, il Regno di Napoli pass˛ sotto la dominazione austriaca;

Dal 1738 al 1806 il Regno di Napoli fu sotto il dominio dei Borboni;

Nel 1806, anno in cui fu abolita la feudalitÓ, il trono del Regno di Napoli fu assegnato a Giuseppe Bonaparte e, nel 1808, a Gioacchino Murat.

Nel 1818 la Terra d'Otranto pass˛ nuovamente ai Borboni e divenne provincia del Regno delle due Sicilie.

Il Risorgimento

Il Risorgimento e l'UnitÓ d'Italia fu vissuto dalla Terra d'Otranto sotto la stretta sorveglianza dei Borboni che riuscirono a stroncare qualsiasi accenno di ribellione, arrestando chiunque fosse sospettato di attivitÓ patriottiche.

Purtroppo, con il nuovo governo sotto la monarchia Sabauda le cose non migliorarono per la nostra Regione ed il divario, giÓ esistente tra il Nord e il Sud finý con l'accentuarsi ancora di pi¨; i nuovi governanti, infatti, introdussero nuove tasse, vendettero le terre demaniali, che finirono nelle mani dei pochi ricchi, dando nuova vita al fenomeno del "latifondo".

Savoia e Briganti

Lo scontento si diffuse ancora di pi¨ che in passato: in buona sostanza la Terra d'Otranto (e, con essa, tutto il resto del Meridione) furono trattati, dal nuovo governo Sabaudo, pi¨ come terre di conquista, una colonia, che come parte integrante del nascente Regno d'Italia.

Dovunque cominciarono a formarsi gruppi armati, persone che cercavano di ribellarsi al nuovo, incapace, governo; seppur privi di carattere "politico", questi gruppi volevano, con la ribellione armata, contrastare se non il "piemontese" invasore, almeno la fame e la miseria.

Il fenomeno, passato alla storia con il termine "brigantaggio", si diffuse rapidamente in quello che era stato il regno delle due Sicilie, sobillato, spesso, dagli stessi Borboni che speravano, fomentando il malcontento popolare, di ritornare al potere. Il nuovo fenomeno assunse, in breve, le dimensioni di una vera e propria guerra civile.

Il governo italiano, preoccupato delle continue ribellioni, affront˛ militarmente il problema, applicando la legge marziale ed attuando una spietata repressione. La terra d'Otranto, all'epoca, si mostrava un luogo di miseria, ignoranza, delinquenza, disoccupazione, arretratezza. Era priva di strade, di ferrovie, di acquedotti: era, insomma, un luogo ai margini della civiltÓ.

I "Signori", residuato dell'antica nobiltÓ, ed i nuovi latifondisti spadroneggiavano, approfittando dei loro privilegi, sfruttando la povera gente e contribuendo, ulteriormente, a creare un'atmosfera di torpore e di servilismo che alimentava ignoranza e miseria.

La Prima Guerra Mondiale

Vignetta di Scalarini pubblicata sull'Avanti! del 01/05/1920Con l'avvento della Prima guerra mondiale molti salentini furono chiamati a combattere, molti tornarono a casa, altri morirono per la Patria matrigna. Coloro che tornarono avevano avuto la possibilitÓ di confrontarsi con altre realtÓ e altre idee: nelle trincee si posero le basi per il vero stato unitario italiano.

Era il 1918. La "grande guerra" era finita ed i reduci tornarono alle loro case, nella amata Terra Salentina. Purtroppo, ritrovarono pi¨ miseria di quanta ne avessero lasciata. Se l'Italia, globalmente, era stremata dalla guerra, il Salento versava in una situazione ben peggiore; i pochi anni che seguirono si gettarono le basi per il Regime che govern˛ l'Italia sino al 1943.

Terminal dell'Acquedotto Pugliese

Prescindendo dal triste epilogo del ventennio fascista e da alcune, poco felici, scelte politiche, dobbiamo riconoscere che molto fu fatto per il miglioramento della condizione generale. Nel Salento, infatti, in questi anni, furono portate a compimento opere enormi, come l'Acquedotto Pugliese, il pi¨ grande d'Europa, che permetteva alla nostra regione di porre fine alla cronica penuria di acqua. Furono realizzati insediamenti rurali per il miglior sfruttamento della terra e fu aumentato il rendimento agricolo. Furono costruite scuole e formati gli insegnanti. Furono, in pratica, gettate le basi per la nascita del vero Stato Italiano Repubblicano. Ma questa Ŕ, ormai, storia dei nostri giorniů

Documento creato il 08/03/2004 (12:53)
Ultima modifica del 16/03/2011 (13:08)

Fortune Cookie...

Con la fame, il pane duro si ammorbidisce.
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124