INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Sabato
21 Lug 2018

San Lorenzo da Brindisi Sacerdote e dottore della Chiesa

Luna: 1 gg dopo
Primo Quarto

Con persone serene si sta sempre bene
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Petizione popolare
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Petizione popolare

Petizione popolare contro gli Autovelox

Il "Comitato degli automobilisti leccesi" con sede nello "Sportello dei Diritti" di Viale Marche n. 17 propone una petizione popolare tramite una raccolta firme per l’eliminazione degli autovelox dal Centro Cittadino del Comune di Lecce ed una loro traslazione nei punti più a rischio.

Sono sempre più numerose le denunce e le richieste di consulenza per i cittadini leccesi tartassati dall’introduzione delle tre apparecchiature autovelox con congegno hi-tech a radar a puntamento istantaneo per la rilevazione della velocità nel centro urbano che giungono allo "Sportello dei Diritti" della Provincia di Lecce al cui interno è sorto da tempo il "Comitato degli automobilisti leccesi" che si sentono illegittimamente vessati dalla Pubblica Amministrazione.

Poichè tali apparecchiature dovrebbero essere destinate al miglioramento della sicurezza stradale, ma sono state poste anche in pieno centro cittadino (p. e.  su Viale Rossini) e non in zone a particolare rischio di sinistrosità con la conseguente allocazione di preziose risorse umane in termini di agenti di Polizia Municipale che altrimenti potrebbero essere destinati alla vigilanza e alla sicurezza del traffico cittadino e nelle situazioni di maggiore emergenza, si è diffusa la percezione che questi strumenti elettronici possano servire a rimpinguare il Bilancio della Città di Lecce e non solo per i fini prestabiliti dal Codice della Strada.

Il Comitato ritiene infatti che la funzione preventiva a cui dovrebbero essere demandate tali postazioni risulta mortificata dalla preponderante funzione sanzionatoria visto in particolare il loro utilizzo nelle ore di maggior traffico nonché i punti in cui sono stati predisposti, e che, anzi, più che costituire strumenti destinati alla sicurezza possano invece essere essi stessi fonti di pericolosi incidenti stradali. Per garantire e  migliorare la sicurezza delle strade esistono, comunque, delle misure alternative alla sanzione previste dal Codice della Strada e in egual modo efficaci quali l’introduzione generalizzata di bande rumorose e dissuasori con indicazione digitale della velocità.

Peraltro, ricordano gli automobilisti salentini che gli introiti provenienti dalle multe effettuate per il tramite di tutte le rilevazioni devono essere destinati esclusivamente all’educazione stradale e al miglioramento della sicurezza e della circolazione nonché della segnaletica come prevede il comma 4 dell’art. 208 del CdS e che mai possano essere distratti per altre voci del bilancio, o come compenso per le imprese da cui sono noleggiati, come risulta invece dalle delibere comunali.

Pertanto, poiché sino ad oggi il Comune di Lecce non ha provveduto con atti concreti ad ascoltare le pressanti voci dell'Opinione Pubblica, il "Comitato degli automobilisti salentini" con sede presso lo "Sportello dei Diritti" della Provincia di Lecce ha deciso di utilizzare l'iniziativa popolare prevista dall'art. 15 dello Statuto del Comune di Lecce attraverso una raccolta firme che si terrà nei locali dello stesso dalle ore 9.30 alle 12.30 o su appositi banchetti che verranno allestiti nel centro cittadino, al fine di garantire un forte ruolo partecipativo della cittadinanza tutta nelle più importanti decisioni che coinvolgono la vita cittadina.

Lecce, 08 settembre 2006 L'Assessore al "Mediterraneo" con delega allo "Sportello dei Diritti" Carlo MADARO

Petizione Popolare

Di seguito Petizione Popolare per l'"Eliminazione dei nuovi autovelox dal Centro Cittadino"

Al Sindaco del Comune di  Lecce

I sottoscritti cittadini,

RITENENDO

che gli autovelox recentemente istallati dal Comune di Lecce svolgono solo in minima parte una funzione preventiva nei confronti di possibili incidenti stradali, ma, al contrario, risultano perfino essere pericolosi rischiando di provocarli, e che per garantire la sicurezza delle strade vi siano delle misure alternative alla sanzione e in egual modo efficaci quali l'introduzione generalizzata di bande rumorose e dissuasori con indicazione digitale della velocità

RITENENDO

inoltre, che sia necessaria l'allocazione di preziose risorse umane per la rilevazione con questi apparecchi (solitamente le postazioni sono tre contemporaneamente) tenuto conto che per ogni postazione vengono distaccati da quattro / sei agenti che altrimenti potrebbero essere destinati alla vigilanza , alla sicurezza del traffico urbano e per le situazioni di emergenza,

CONVINTI

che la loro ubicazione rischia di compromettere l’immagine della città che sulle sue vie principali ha collocato degli inutili strumenti di rilevazione elettronica (autovelox) destinati a prelevare un vero e proprio balzello di ingresso a chiunque li percorra senza esserne a conoscenza

CONVINTI

che in ogni caso, gli introiti provenienti dalle multe effettuate per il tramite di tali rilevazioni debbano essere destinati esclusivamente all’educazione stradale e al miglioramento della circolazione della segnaletica come prevede il comma 4 dell’art. 208 del CdS e che mai possano essere distratti per altre voci del bilancio, o come compenso per le imprese da cui sono noleggiati

CHIEDONO

che gli autovelox adottati dal Comune di Lecce vengano definitivamente eliminati dalle vie del centro cittadino od in alternativa traslati dalla loro attuale ubicazione per essere più adeguatamente collocati nei punti o in ogni caso in altri punti di rischio cosi come è nello spirito della legge che ne ammette l'utilizzo; e che comunque i proventi derivante dalle rilevazioni effettuate con gli stessi siano indirizzati solo per i fini di cui all’art. 208 del Cds ai fini di un miglioramento effettivo della sicurezza stradale. Allo stesso tempo

CHIEDONO

che nelle vie a maggior traffico e a maggior rischio vengano introdotte misure alternative quali l’introduzione generalizzata di bande rumorose e dissuasori con indicazione digitale della velocità.

Documento creato il 07/09/2006 (16:24)
Ultima modifica del 07/09/2006 (16:24)

Fortune Cookie...

La bellezza dura fino alle porte, la bontà fìno alla morte.
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124