INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 
Il salento che lavora

Sabato
25 Nov 2017

Santa Caterina d'Alessandria Martire

Luna: Fra 1 gg
Primo Quarto

Ogni mulino vuole la sua acqua
Meteo nel Salento: temp. 11 °C, Umid. rel. 94%, assenza di vento, press. 1021 hPa
 
 Home » I Comuni » Gallipoli » D'Annunzio a Gallipoli
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

D'Annunzio a Gallipoli

D'Annunzio a Gallipoli

Gallipoli panoramica

Il tempo passa ma il periodo migliore per le vacanze resta sempre l'estate.

Andiamo per un attimo indietro nel tempo, in quel lontano 1895; erano passati quasi venticinque anni dall'unificazione dei vari stati della Penisola sotto un'unica bandiera ed il Meridione d'Italia viveva uno dei tanti periodi post-unitari “difficili” devastato, sfruttato e tradito da chi si proponeva come “salvatore della patria”.

All'epoca c'era poco tempo per andare al mare, i contadini erano impegnati con le messi, la raccolta dei cereali e del tabacco; l'unico giorno di vacanza a loro concesso era il 15 agosto giorno dedicato all'Assunta. Il turismo di massa non esisteva: gli unici a permettersi le vacanze, crociere incluse, erano i nuovi ricchi che se ne andavano scorrazzando per il mediterraneo con i loro yacht.

La crociera della FantasiaFu così che durante un viaggio in Grecia compiuto a bordo dello yacht "Fantasia" nel luglio del 1895, Gabriele d'Annunzio, in compagnia di Georges Hérelle, Guido Boggiani, Edoardo Scarfoglio e Pasquale Masciantonio approdò nel porto di Gallipoli e visitò la città.

D'annunzio restò così affascinato tanto da dedicargli alcune note: “Gallipoli nuova si distende in fondo sulla lingua di terra protesa verso Taranto. E' tutta bianca, con i tenti orizzontali, abbagliante di candore, mentre la piccola collina protesa ha un leggero colore violetto su cui si distingue il grigio degli olivete. Il porto è pescoso. Innumerevoli pesci guizzano nell'acqua verde...” gli appunti continuano con una nota alla città vecchia: “Scendiamo a terra verso sera. Gallipoli vecchia è su un isolotto roccioso... sotto una muraglia a picco, giù tra gli scogli, una giovane donna si bagna, tutta ignuda. Come noi ci sporgiamo per guardarla, ella si mette a nuoto cercando di nascondersi tra gli scogli e ci lancia ingiurie feroci”.

Era il minimo che potesse fare...

E' bello immaginare che nonostante siano passati anni lo scenario è rimasto, fortunatamente uguale, conservando ancora oggi i suoi tetti orizzontali e il colore bianco delle case e sullo sfondo la collina con gli ulivi.

Gallipoli panoramica

 

Documento creato il 30/07/2013 (15:09)
Ultima modifica del 18/09/2013 (10:57)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124