INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Lunedì
23 Ott 2017

San Giovanni da Capestrano Sacerdote

Luna: 3 gg dopo
Luna Nuova

Studia, non per sapere di più, ma per sapere meglio degli altri.
Meteo nel Salento: temp. 19 C, Umid. rel. 68%, Ponente (4.63 m/s, Brezza tesa), press. 1006 hPa
 
 Home » Porto Badisco
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Porto Badisco

Porto Badisco

porto badisco e nei pressi la grotta dei cervi

A dispetto dell'aspetto brullo e sassoso, raramente coperto da cespugli ed alberi, questo luogo fu popolato sin dagli albori della civiltà. Il piccolo centro abitato sembra quasi nascondersi subito dopo il crocevia che, dalla litoranea, posta a Uggiano la Chiesa. Un gruppo di case che però può contare su una bella piazzetta, ristoranti e bar. Molta gente di Uggiano e Minervino si trasferisce qui per trascorrere il periodo estivo.

Superato il gruppo di case, a destra, si apre una stradina che porta in basso, alla spiaggia. Infatti, incastonata come un gioiello, a 30 metri più in basso c'è un piccolo lido sabbioso che chiude verso terra una specie di fiordo al riparo dal mare aperto.

E' un posto incantevole dove in estate è praticamente un'impresa conquistare un metro per il proprio ombrellone; l'acqua è molto bassa ed una serie quasi infinità di cavità marine si aprono dal costone roccioso verso mare. La grande roccia che ci sovrasta sembra essere un immenso groviera dove, sin dalla notte dei tempi, hanno trovato rifugio i progenitori salentini.

Secondo la tradizione sembra che qui si fosse avventurato Enea che, nella grotta che da lui prende il nome avrebbe perso addirittura il cavallo. In verità la grotta c'è ma è difficile proprio perderci qualcosa...

Lasciato Porto Badisco con il suo caos tutto estivo, riprendiamo la marcia verso Otranto. Lungo la strada, a destra, è possibile notare un recinto, quasi insignificante e tre piccole costruzioni quadrate di pietra a secco. Qui sembra sia custodito l'accesso alle grotte Dei Cervi dove, negli anni settanta, furono scoperte pitture rupestri di incredibile bellezza. Probabilmente il primo tempio dove l'uomo ebbe un primo contatto con il mistero della natura, oggi non è visitabile: a causa degli angusti passaggi, lo struscio di eventuali visitatori danneggerebbe irrimediabilmente le tracce di questo remoto passato.

Documento creato il 08/10/2005 (17:04)
Ultima modifica del 08/10/2005 (17:04)

 

Articoli collegati, per maggior approfondimento:

Altro su questo portale Internet:

  1. Porto Badisco,
    (http://www.japigia.com/le/uggiano/index.shtml?A=g_cervi)
    Grotta dei Cervi e la Torre Sant`Emiliano

Fortune Cookie...

Non v`è armonia più bella dell`armonia del cuore e della bocca.
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124