INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Sabato
11 Lug 2020

San Benedetto da Norcia Abate, patrono d'Europa

Luna: Fra 1 gg
Ultimo Quarto

Conta più la pratica che la grammatica.
Meteo nel Salento: temp. 13 C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Nardò: Polifonie
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2004

mostra altre voci

Nardò: Polifonie

16 e 17 Aprile 2004, Nardò

Due giorni per riflettere su quanti, uomini e donne, hanno vissuto, lavorato, lottato e cantato le difficoltà della vita contadina in Puglia.

È l'occasione che viene offerta da "Polifonie. Pensieri e Immagini di Terre Vissute", manifestazione organizzata dall'associazione culturale Fluxus Open, in collaborazione con Provincia di Lecce e il Comune di Nardò.

La manifestazione fa parte di un progetto di iniziative trasversali sulla tradizione e il movimento bracciantile con l'obiettivo di offrire occasioni di stimolo al confronto. In modo particolare in questi due giorni al centro c'è il Progetto Braccianti, un lavoro di ricerca storico-antropologica volto al recupero di testimonianze, dirette e indirette, sulla vita contadina in Capitanata e che trova forti corrispondenze con una dimensione storico-sociale e politica del recente passato di Nardò e dell'Arneo. I due giorni avranno come centro i locali dell'Oleificio Cooperativo di Nardò (in via Avetrana).

Si inizia venerdì 16 Aprile alle 18:30 con la musica; segue un confronto-dibattito per tracciare un quadro generale del cantiere di ricerca, aperto nel Salento sin dagli anni 70 e oggi in piena attività. Interverranno a portare le loro esperienze di ricerca: Enrico Messina e Micaela Sapienza (coautori e attori dello spettacolo teatrale "Braccianti. La Memoria che resta" che andrà in scena sabato 17 aprile alle ore 20:30); Giovanni Rinaldi, coautore del libro "La memoria che resta. Vissuto quotidiano, mito e storia dei braccianti del Basso Tavoliere"; Luigi Del Prete, Rina Durante, Massimo Vaglio, Luigi Chiriatti, Remigio Morelli e Dora Raho, che ha coordinato il Laboratorio di ricerca nel Liceo "G. Galilei" di Nardò da cui è stato tratto il lavoro "Mezzogiorno e Contadini: il caso dell'Arneo". A seguire la proiezione del documentario "Le Tabacchine" di Luigi Del Prete. Negli stessi locali sarà allestita la mostra fotografica Braccianti

Comunicato a cura di: Giorgio Serino

Documento creato il 19/04/2004 (15:37)
Ultima modifica del 19/04/2004 (15:37)

Fortune Cookie...

L`immaginazione inganna
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124